11/04/13

Aforismi e pensieri inceneriti XLI









Ogni cadavere trasuda una certa gravità.
Una buona notizia per gli imbecilli che potranno adottare, finalmente, un'aria intelligente.

           ***

Era in odore di santità.
Non gli si poteva stare vicino.

           ***

Assegnato a Dio l'oscar come migliore sceneggiatura non originale sul peccato.
Nessun riconoscimento, ancora una volta, per l'uomo.

           ***

A misura che aumentano i nostri incubi si finisce per assomigliare al proprio sogno inconfessato.

         

           ***

L'onda travolgente del divenire lascia dietro di sé una schiuma epilettica.
A questa bava convulsiva diamo il nome di evento storico.

           ***

E' stato condannato all'oblio.
Quale migliore assoluzione! La sopravvivenza postuma si articola nei corridoi del tribunale terreno.

           ***

I risultati dell'autopsia saranno disponibili in tempo reale.


10 commenti:

  1. Fiori con l'esaurimento nervoso...non siamo molto lontani.
    Ciao

    Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angiosperma ridens (fiore isterico) ;-)

      À bientôt

      A.

      Elimina
  2. Fernand Braudel parlava di "agitazione di superficie", ma "bava convulsiva" è espressione più consona all'evenemenzialità del nostro secolo.

    RispondiElimina
  3. Dalla longue durée alla di-scarica intermittente. Gutta bavat lapidem.
    ;-)

    Un saluto

    A.

    RispondiElimina
  4. Penso di dovermi mettere a dieta. Devo consultare il mio anatomo-patologo.
    Ciao, L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi casi è d'uopo eliminare la formaldeide caro L.

      A.

      Elimina
  5. Ci sono anche cadaveri con la faccia da idiota. E' il colmo, se ci pensi.
    La mia asma cerebrale non mi da requie ... tranne quando trovo dei pensieri inceneriti a dovere.

    RispondiElimina
  6. Quello che dici è ben vero, sembra quasi che attendano il proprio ritardo mentale, quello definitivo. Degli estragoni ebeti, post-mortem.

    A.

    RispondiElimina
  7. Crescono a dismisura i sistemi di comunicazione, ciononostante diminuisce il potere d'irradiazione del messaggio, la vibrazione della sua durata nel tempo. E' l'impero dell'autismo collettivo.

    questo è veramente preoccupante!
    domani ti spedisco il libro!

    ciao Arthur!:-)

    RispondiElimina
  8. Ciao Carla, merci bien ;-)

    RispondiElimina