21/01/15

Aforismi e pensieri inceneriti XCII


Il delirio ipercinetico con il quale la papamobile fendeva la moltitudine, qualche giorno fa, a Manila. Il Papa avanzava ad una velocità sconcertante, al punto che della fiumana di gente, scomparsi i segmenti distinti, non restava che un timballo di teste, busti e braccia protese, abbattute con celerità dalla scia di quell'aerolite ultraterrena. Sfrecciava il Papa, e sembrava alludere ad una divinità convulsa la cui solitudine aumenti con la velocità impressa all'apparizione.
Poiché la folla si accontentava di rubarne un istante, una diapositiva fragile e remota. Sfrecciava, il Papa, rapido e lucente come un Dio invisibile.

           ***

Trovare la propria strada è il conforto di essere spacciati.

           ***

L'ecumenismo transreligioso nasconde, sotto una crosta mite, finanche ingenua, il ribollire di una spinta livellatrice propria dell'orizzonte post-moderno. Il dialogo tra le fedi è sfruttato muovendo sull'erosione multilaterale dei fondamenti tradizionali di ciascuna confessione. Più esse si " modernizzano " più entrano in un processo di agonia che riproduce la laconica mondializzazione operata dal laicismo. Ed è qui che si rivela la resistenza, chissà quanto consapevole, della componente più bellicosa: l'Islam. La religione più giovane (depositaria quindi dell'ultima manifestazione divina, summa perfetta che avvilisce le precedenti) è quella che oppone il diniego più accentuato e che si configura come anacronismo assoluto, edificando sull'ideale teocratico il fondamento rivoluzionario. Il paradosso apparente è che ciò avviene con l'utilizzo dei medesimi strumenti del nemico e seguendo la stessa logica universalistica. Sharia planetaria come reazione all'ordine mondiale della Téchne, sfruttando, senza alcun ritegno, le possibilità offerte da quest'ultima. Ripristino di un'unità, nel nome non di una presunta uguaglianza regolamentata dall'espressione democratica, ma di una gerarchia strutturata da una religione rivelata. Restaurazione parodistica dell'Uno, frutto ambivalente della stessa ossessione unitaria.

           ***

Mattinata all'ospedale con il disabile. Durante l'elettroencefalogramma rideva, scettico al riguardo di un diagramma che, pretenzioso, aspirasse a spiegare il segreto della sua perfezione.


6 commenti:

  1. Vedo processi di secolarizzazione e di imborghesimento collassare l'uno sull'altro. In Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diceva un teologo autodidatta: " Il nichilismo l'abbiamo già alle spalle, di fronte abbiamo il nulla. "

      Elimina
  2. pensa se tutti sfrecciassimo!
    lo spazio sarebbe occupato da tracciati elettroencefalogrammatici impazziti!;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Feci un incubo, molti anni or sono. Un intero pianeta ricoperto da automobili saettanti, senza guidatore.

      Elimina
  3. Il Papa sfreccia sulla sua automobilina come Wil Coyote seduto su qualche congegno della Acme all'inseguimento di Beep Beep. E' un papa stle Hanna e Barbera al servizio del Dio dei cartoons.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scenario il deserto planetario.

      Elimina