05/02/15

Aforismi e pensieri inceneriti XCIII




Nutro simpatia per tutti i transfughi della propria vocazione, che non hanno niente da insegnare. In particolar modo per quei disertori celesti che al primo brivido estatico se la sono data a gambe. Esseri frammentari, mutili d'assoluto, tarme annidate sull'incorruttibile porta del paradiso. Deve trattarsi di solidarietà tra vinti.

            ***


Nel libro "Unità Trascendente delle Religioni" Frithjof Schuon parla delle bestie, piante ed animali come creature periferiche. La forma di queste creature rivela tutto ciò che essa conosce, identificandosi in ultimo con questa conoscenza. La forma d'un determinato essere indica il suo stato o sogno contemplativo. Rimane fuori l'uomo, l'informe per eccellenza, il senza norma, sprovvisto della capacità di aderire alla propria evidenza, in balia della mutevolezza delle proprie idee, pulsioni, dogmi e pensieri. L'uomo, l'eterno disgiunto, il dissociato perenne.

           ***

Dalle pitture rupestri affiora un mondo in cui la continuità metamorfica non è spezzata dalla cristallizzazione in classi propria dell'ordine naturale. Perché non esiste ordinamento tipologico nella dialettica costante tra le "parti". Uomo, animale, pianta e minerale convergono in un unicum che dà forma al tempo mitico della non storia, epurato da ogni dislocazione cronologica, inattingibile in un senso più profondo. Il tempo che produce e quindi separa, il nostro, è l'abisso edificato sul genoma del mondo, e nessuna archeologia e genetica che non siano spirituali sono in grado di ricomporre la mappa che disegna l'anima mundi.

           ***

L'uomo è costituzionalmente incapace di sostenere una quantità illimitata di memoria. I più deboli sono proprio coloro in cui la facoltà di ricordare, e quindi di rimpiangere, è oltremodo dilatata. Un indigeno sottoposto ad un naturale ritmo ciclico disponeva d'una quantità infima di ricordi, di cui poteva disfarsi per mezzo d'una salubre cadenza rituale. L'esistenza odierna, cerimoniale del nulla protratto all'infinito, non fa che rivendicare un sovrappiù d'esperienze, le quali muteranno in un'infinità di reminiscenze svigorite, prese una ad una, ma foriere di minare l'equilibrio mentale se considerate nell'insieme. In questo mondo un uomo affetto da immortalità non conoscerebbe altra fine che una follia inesauribile. Finirebbe per essere sepolto vivo dall'immenso edificio dei propri ricordi.


7 commenti:

  1. interessante espressione di concetti ...bevo dalle pitture rupestri, cerco ispirazione sognando quella mappa che
    disegna l'anima mundi ...

    grazie Arthur :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi permetto di consigliarti, qualora non l'avessi visto, " Cave of Forgotten Dreams ", capolavoro di Herzog girato in parte nella grotta di Chauvet.
      http://ildocumento.it/archeologia/cave-of-forgotten-dreams-herzog.html un abbraccio ;-)

      Elimina
    2. grazie del consiglio, ho proprio bisogno di attingere a nuove risorse.
      qui vento fortissimo!
      ciao Arthur :-)

      Elimina
  2. Informità, ovvero dignità dell'uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inghirlandato d'alienazione.

      Elimina
  3. L'uomo affetto da oblio incute il terrore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una possibile, futuribile declinazione.

      Elimina