30/05/13

Aforismi e pensieri inceneriti XLVIII






In giro nessun monumento ai decaduti.
Eppure sono dappertutto.

           ***

Sono intrappolato tra le mie macerie.

           ***

Una civiltà annuncia la sua putrefazione quando la Vita diventa la sua costante ossessione. A questo disperare e nascondere la Morte presiede il subdolo, apparentemente contrario, incantesimo di trasformarla in misero pasto quotidiano esponendola nei mattatoi iconografici. Allevamenti intensivi dove ogni senso profondo è macinato dalla meccanica del consumo.

           ***

Sensibile alla crisi economica la Madonna ha ridotto il cachet per ogni apparizione.

           ***

Aveva un' unica ragione di vita.
Vendicare la sua nascita.

           ***

Vox populi, silentium dei.

           ***

In una rete di interdipendenze multiformi ciò che sussiste non può avere sostanza, se non in maniera transeunte. Per il buddhismo il nostro Io è il frutto di questo bufera costante, operata dal telaio cosmico. Viviamo aggrappati al vento.

           ***

Giullare rancoroso.
Incapace di ridere in Dio rido di lui.

         
           ***

Se l'eccentricità fosse il parametro del genio, i pittori del Trecento sarebbero dei mediocri e il primo writer berlinese un maestro.

           ***

Un istante di contemplazione è più fecondo d'una preghiera inesauribile.



11 commenti:

  1. Nella maggioranza dei casi l'eccentricità esibita altro non è che malafede esasperata di chi ambisce disperatamente a farsi Centro. Puntualmente la trovo pietosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perché, per farsi Centro, è necessario scomparire.

      A.

      Elimina
    2. questa tua è fortissima, e vera.
      per farsi centro, è necessario scomparire!

      ;-)

      Elimina
  2. Ho comprato un'ascia per il mio scalpo.
    Ciao

    Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mal che vada la si può usare su una vecchia.

      A.

      Elimina
  3. Ridere in Dio, privilegio esclusivo di Spinoza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrive Ceronetti: " Spinoza rideva, qualche volta, ma provati a ridere, nella foresta incantata del suo sistema ". E pietrificata, si potrebbe aggiungere.

      A.

      Elimina
  4. Viviamo aggrappati al vento e non sappiamo quanto sia vero questo semplice fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Talvolta tirando calci all'aria.

      A.

      Elimina
  5. abbracciamo la religione che più ci somiglia (compete?)
    e stiamo in silenzio (almeno per un pò!)

    in fondo esistiamo :-)

    RispondiElimina
  6. Abbracciamola fino a soffocarla ;-)

    A.


    RispondiElimina